A prima vista sembra una cosa molto facile: una dieta priva di glutine omette semplicemente il glutine.Ma non sempre è tutto così ovvio, infatti mangiare senza glutine richiede ripensare tutto uno stile di vita, significa ripensare dove andare a fare la spesa, cosa comprare, cosa cucinare e naturalmente ciò che si mangia. Mangiare senza glutine significa anche fare delle buone scelte ogni giorno che passa.

Il glutine è un ingrediente molto presente in quasi tutto quello che mangiamo e compriamo. Lo sapevi che si può trovare il glutine perfino nelle patatine fritte? E nel gelato? E poiché il glutine è ovunque e poiché sempre più persone hanno sviluppato una sensibilità al glutine, oggi esistono molte versioni di alimenti preparati con sostituti del glutine che hanno riempito gli scaffali dei principali negozi di generi alimentari in tutto il mondo.

Tuttavia, mangiare senza glutine, non è sempre così facile come sembra. Così, come sempre ci vuole equilibrio nelle cose. Piuttosto che limitarsi a sostituire i cibi senza glutine bisogna mirare a rendere la dieta più sana e più equilibrata di quanto non lo sia mai stato prima. Mangia cibi ricchi di proteine come carne, pesce, legumi, e prelibatezze come quinoa. Impara le ricette di ottimi piatti preparati con frutta e verdura. Qualunque cosa serva, uno stile di vita senza glutine è in grado di fornire la spinta ideale per costruire quel corpo sano che hai sempre sognato.

Senza glutine, naturalmente

Fare la spesa senza glutine non deve essere un incubo. Quando si pensa che bisogna controllare l’etichetta di ogni singolo articolo acquistato, si dimentica una cosa importante: molti dei migliori cibi che mangiamo, o almeno che dovremmo mangiare se seguiamo una dieta sana ed equilibrata, non hanno mai contenuto glutine

Considera che:

  • Frutta
  • Verdura, compresi gli amidacei come mais e patate
  • Legumi
  • Noci
  • Semi, come quinoa, grano e simili
  • Riso integrale e altri grani “antichi”
  • Carne
  • Pollo
  • Pesce e frutti di mare
  • Uova e latticini

Nessuna delle categorie elencate sopra contiene o ha mai contenuto glutine, quindi, salvo marche frequentemente contaminate (attenzione ai negozi che vendono l’avena) non è necessario cercare etichette speciali. Tuttavia non bisogna mai abbassare la guardia. Ad esempio un avocado è senza glutine e nutriente, non c’è dubbio. Ma se al ristorante ordiniamo la salsa di guacamole non possiamo sapere se quella salsa sia effettivamente senza glutine.

Cibi senza glutine: i sostituti

Mangiare senza glutine può essere la decisione più sana della tua vita, anche se non sei allergico al glutine. Proprio come i vegani tendono a diventare creativi nella loro cucina, chi rinuncia al glutine ha finalmente una spinta in più per seguire una dieta equilibrata. Quando i biscotti comprati al supermercato non sono più un’opzione per la prima colazione, si può trovare un cibo più sano e nutriente, con ingredienti più salutare. Se il pane del supermecato non va più bene si potrebbe considerare l’opportunità di fare il pane senza grassi indesiderati, conservanti e altri additivi artificiali. Lo stesso può essere fatto per la pasta, i dolci, gli snack e altro ancora. In questo modo si assumono anche meno carboidrati riducendo i rischi per la salute.

Quando si fa la spesa cercando i sostituti del glutine bisogna fare attenzione alle etichette. Non basta leggere gli ingredienti, e “senza grano” non sempre significa negozi “Senza glutine”. Molti negozi, sia bioloigici e salutisti sia quelli tradizionali, vendono versioni senza glutine di alcuni dei prodotti di grano come pasta, cracker, pane, e una grande varietà di prodotti da forno. Per essere sicuri che vadano bene, basta guardare la farine e assicurarsi che gli ingredienti etichettati riflettano una composizione nutrizionale equilibrato.

Cibi senza glutine: “grani” gluten-free e altri amidacei

Molti cereali contengono glutine, quindi ovviamente sono fuori gioco. Vi sono, tuttavia, molti cereali naturalmente privi di glutine che si possono facilmente trovare nei negozi di alimentari. Bisogna sempre essere sicuri di acquistare da prodotti non contaminati, cioè anche se il prodotto non contiene ingredienti glutine di per sé, bisogna verificare che non sia stato elaborato con la stessa attrezzatura che elabora il glutine.

Per fare la tua lista della spesa senza glutine, ecco una lista di prodotti amidacei, stilata dalla “Celiac Disease Association”:

  • Amaranto
  • Radice di maranto
  • Chicchi di grano saraceno e simili
  • Cassava/Tapioca/Yuca
  • Mais
  • Miglio
  • Fiocchi d’avena senza glutine
  • Semola di avena senza glutine
  • Pastinaca
  • Patate, tutte
  • Quinoa
  • Riso, tutti i tipi
  • Sago
  • Sorgo
  • Yucca
  • Semi di chia
  • Semi di lino
  • Fagioli
  • Lenticchie
  • Lupini
  • Soia
  • Farine a base di noci, semi, legume, e verdure anche amidacee.

Nota Bene: l’avena molto spesso è contaminata con il glutine. E’ meglio utilizzare solo avena e prodotti di avena che sono chiaramente etichettati come “senza glutine”.

Measurements of gluten free flour narrow

Cibi senza glutine consumati a volontà o occasionalmente?

In teoria, chi mangia senza glutine non deve chiedersi ogni volta “Devo evitare di mangiare questa cosa?” Una vita senza glutine è molto più di questo.

Essere celiachici o sensibili al glutine è trovare ciò che si può mangiare, sapendo che cosa il corpo tollera o meno. La questione allora diventa allora: “Quale piano alimentare è migliore per poter mangiare sano a lungo termine?”

I nutrizionisti concordano sul fatto che, come con qualsiasi altra abitudine alimentarie, la cucina senza glutine dovrebbe essere una cucina che consente di mangiare liberamente i cibi che in genere vengono mangiati solo occasionalmente.

  • Liberamente—tutte le volte che vuoi nell’ambito delle tue esigenze alimentari
    Queste sono raccomandazioni per qualsiasi stile di vita sano, (gli eccessi non vanno mai bene), con una diversa selezione di amido e cibi pronti.
  • Occasionalmente e moderatamente— infatti neanche la privazione assoluta va mai bene
    I cibi “sostituti”, già pronti e senza glutine spesso sono appena meglio di quelli col glutine, se proprio non c’è alternativa. I negozi specifici e specializzati sono un ottimo punto di partenza, ma attenzione a non limitare la vostra scelta alimentare e nutritiva. Non vincolarti solo a questi negozi specifici e non limitare la tua scelta nella piramide alimentare. Può anche andare bene se il gluten free è solo una moda passeggera e non una reale necessità. Se non sei realmente allergico, basta fare in modo che loro non diventi il fulcro della alimentazione quotidiana. Per esempio, non c’è niente di male in fetta di torta compleanno senza glutine, ma non è il tuo compleanno ogni mattina.

In sostanza …

Il modo più facile seguire una dieta priva di glutine è quello di vivere la vita esattamente come si è sempre fatto, semplicemente ricercando le opzioni “senza glutine” tra etichette di vecchi e nuovi prodotti. Vivere senza glutine può anche essere una magnifica opportunità. Spesso si riesce a sostenere un cambiamento importante nei momenti di transazione della propria vita. Ad esempio, il primo giorno di un nuovo lavoro potrebbe essere anche il momento ideale per iniziare a fare jogging mattutino. Mangiare senza glutine è sicuramente un momento di transizione, e come tale può anche portare un cambiamento positivo

Per sapere come rimanere in forma clicca qui

Riferimenti e fonti

Commenti 3

  1. Profile photo of ClementeAnna

    Credevo che venisse spedito uno o due volumetti contenenti ricette ed altro come mi sembrava di aver visto nella pubblicità in base alla quale mi sono iscritta. Non è comodo leggere ogni volta al computer le ricette e quant’altro si deve decidere in quella giornata-
    Potete aiutarmi a chiarire?
    Grazie
    Anna Clemente

Lascia un commento