Se non sei capace di apprezzare i cibi più sani…puoi imparare presto e bene!
E’ un dato di fatto che mangiamo spesso e volentieri cibo spazzatura più di quanto dovremmo, anche se sappiamo che gli alimenti trasformati aumentano notevolmente le nostre possibilità di essere obesi, di diventare diabetici, o di soffrire di malattie cardiache.

Un cervello colorato con frutte e verdure

E questo perché i cibi trasformati creano “dipendenza”. Certo, “dipendenza” è una parola grossa, ma è anche scelta con ragione. Mangiamo moltissimi prodotti alimentari altamente trasformati che sono stati studiati appositamente per essere mangiati senza alcuna fatica: vanno giù che è una delizia! Questi prodotti sono anche molto carichi di calorie, e il risultato è che il nostro corpo non registra il fatto che abbiamo appena mangiato. E questi “cibi” sono accuratamente ottimizzati con sale, zucchero, grassi, aromi artificiali e altre sostanze chimiche in modo tanto che è praticamente impossibile mangiarne uno solo: uno tira l’altro. Questi ingredienti accendono i recettori del piacere del cervello tanto che l’attività neurologica è così forte che si può perfino vedere con una risonanza magnetica.

E’ un dato di fatto molto semplice. Confronta come ci sentiamo quando mangiamo un peperone rosso o quando mangiamo un pacchetto di patatine o nostri biscotti preferiti. E cercare di disintossicarsi dallo zucchero può scatenare voglie improvvise. Quello che non riusciamo a fare è controllare queste voglie e dire: “Grazie, non ne voglio più.”

Si può comunque rieducare il nostro gusto perché il nostro cervello, nonostante tutto, ama il buon cibo! Il cibo naturale, piuttosto che un miscuglio di sostanze chimiche che, guarda un po’, è fatto per farti mangiare troppo.

Ecco  come:

  1. Leva tutto il cibo trasformato da casa e dal tuo posto di lavoro. Biscotti, cioccolata ed altro: se non sono a portata di mano non li mangi.
  2. Non ti lasciare andare alla fame. La fame viene quando sei preda di voglie di cibo spazzatura.
  3. Rispetta una dieta ricca di fibre e di proteine e povera di carboidrati trasformati, in questo modo stabilizzi il livello di zuccheri nel sangue e ti senti pieno più a lungo.
  4. Fai piccoli snack tra un pasto e un altro. Ogni merenda dovrebbe accoppiare una proteina (come noci, burro o formaggio) con un frutto o un cracker di grano integrale al 100%.
  5. Mangia cose che ti piacciono. In questo modo, nella tua mente metti insieme il mangiare sano con il mangiare buono.
  6. Quando hai voglia di qualcosa di dolce mangia per esempio un frutto. Certo, il melone non sarà come la cioccolata, tuttavia tiene a bada la nostra voglia di dolciumi.
  7. Fatti sempre una scorta di cose sane così quando sei presa da voglia di cose dolci puoi attingere dalle tue scorte, come per esempio un uovo sodo una banana o noci …
  8. Evita di mangiare per almeno due settimane i cibi che desideri di più, e poi introducili lentamente e gradatamente nel tuo menù. In questo modo insegni al tuo cervello a non desiderare la cioccolata ma a gustartela quando ti capita di mangiarla, magari come dessert. Qualunque cosa tu faccia evita di mangiare questi alimenti all’inizio del pasto: eviti così di pensare a questi cibi come alla soluzione alla tua fame.

Ci vogliono circa 6 mesi perché il cervello impari a desiderare cibi sani, ma ne vale la pena!

Per sapere come rimanere in forma clicca qui

Lascia un commento